Archivi tag: autori

Cristiana DAMIANO “INSEGUENDO EMOZIONI: DAL MICRO AL MACROSCOSMO”

“Inseguendo emozioni: dal micro al macrocosmo” è il titolo della serata che trascorreremo assieme e rappresenta un piccolo viaggio che faremo nel mondo naturale, visto attraverso i miei occhi, quelli di una fotografa amatoriale che ha unito il profondo amore per la Natura assieme all’interesse per la fotografia.
Il nostro viaggio comincerà dall’osservazione del microcosmo vegetale, dove le fioriture saranno le protagoniste della prima multivisione.
“Dal buio ai colori” è infatti dedicata alle espressioni più delicate del regno vegetale che ci sorprendono ed emozionano con l’arrivo della primavera. Da qui partiremo e seguiremo il susseguirsi delle fioriture attraverso i colori che le caratterizzano.
Il microcosmo naturale si arricchisce anche della bellezza degli animali, alla quali è dedicata la seconda multivisione.
“Ali elitre e fili di seta” ci farà osservare alcuni degli esseri viventi che vivono nelle nostre zone lagunari ma anche nel nostro Carso. Immagini e musica ci avvicineranno quindi al mondo dei piccoli invertebrati, la fauna “minore”, tanto importante per gli equilibri naturali.
L’osservazione del particolare alla ricerca dello spirito del luogo che spesso è nascosto nelle piccole cose non si può separare da quella rivolta ai grandi spazi, ai panorami dove l’occhio cerca l’orizzonte, dove riprendiamo coscienza della nostra esistenza, dove capiamo di far parte anche noi di un microcosmo a confronto degli spazi immensi che osserviamo.
Seguiranno quindi delle multivisioni che ci faranno osservare le nostre montagne durante la stagione invernale e anche un luogo più lontano di grande fascino, l’Islanda, in una visione più intima e meno conosciuta.

Cristiana Damiano

Sito di Cristiana Damiano

31° Gran Premio – 4a serata per stampe in Bianco e Nero

In apertura alla quarta serata per stampe in Bianco e Nero del nostro Gran Premio Fotografico sono stati presentati gli autori del Portfolio dal titolo “Autoritratto” con  le foto di Licinia BONETTA, Giulio BONIVENTO, Manuela CECOTTI, Gianfranco CREVATIN, Gianfranco FAVRETTO, Rossana GIORGI, Roberto GURRADO, Cristina LOMBARDO, Raffaello MAGGIAN, Olga MICOL, Diana RAICO, Dario REGGENTE, Roberto RIVA, Scilla SORA e Marinella ZONTA.

La giuria della serata è stata scelta nei nomi di Monica Mazzolini, Fulvio Merlak e Diego Salvador.

Al termine della presentazione delle opere, la classifica è la seguente:

5° Ernesto Petronio

4° Dario Reggente

3° Vanni Sperco

2° Mariagrazia Beruffi

1° Manuela Cecotti

“TORNARE” – Mostra di MARIAGRAZIA BERUFFI

mercoledì 14 novembre – ore 18.30
inaugurazione della Mostra
“TORNARE”
di
MARIAGRAZIA BERUFFI

«Tornare»
Mostra di Mariagrazia Beruffi

Una giornata speciale quella in cui Bianca e Aldo, esuli istriani, decidono di tornare alla loro casa. Tutto è stato lasciato così a Strugnano da quel febbraio del 1947 in cui l’Istria è stata ceduta alla ex Yugoslavia.
Una finestra rotta, un cortile, il muro di fronte, niente più ha le sembianze di casa. Flash di memoria riportano alla mente l’infanzia e la giovinezza vissute tra quelle pareti piene di crepe e di ragnatele. Ma anche le sparizioni, le foibe e la paura che li spinse alla fuga verso un futuro incerto.
Rivivono in silenzio il loro passato, perché il racconto non può coinvolgere emotivamente chi non ha visto, sentito e pianto. «È un ricordo, quello dell’Istria, destinato a sopravvivere, nell’animo di chi più non vi risiede, per il fuggevole momento di una sola generazione, l’ultima rimasta.» (Eugenio Scalfari dalla prefazione al libro di Gianni Giuricin “Istria maledetta”)
Tradurre in immagini le loro memorie è stato un po’ come profanare i loro sentimenti più intimi e per questo ringrazio Bianca e Aldo Paoli per la grande disponibilità a rivivere quei momenti che sono appartenuti anche ad altri 300 mila esuli istriani sparsi in tutto il mondo.

Mariagrazia BERUFFI

Mariagrazia Beruffi vive tra Brescia, città natale, e Trieste. Dopo un periodo di insegnamento di lingue straniere ha iniziato un percorso di grafica che l’ha avvicinata alla fotografia. Da subito il suo interesse si è rivolto non tanto alla tecnica quanto all’atto fotografico come esperienza di vita. La sua è una fotografia del reale ma molto istintiva, imprevedibile e soggettiva. Nasce spesso da incontri casuali che, pur nella loro fugacità, si tramutano in condivisione di sogni, sentimenti ed emozioni.

Clicca qui per visitare il sito di Mariagrazia Beruffi

 

31° Gran Premio – 2a serata per stampe in Bianco e Nero

A inizio serata sono stati presentati gli autori del Portfolio “BICICLETTE” della serie “Monologhi” composto dalle foto di:
Giampaolo ALOISIO, Giulio BONIVENTO, Lucia CREPALDI, Fabrizio FABRIS, Adriana FONDA, Carlo MICHELAZZI, Olga MICOL, Dario REGGENTE, Roberto RIVA, Andrea ROCCHI, Scilla SORA, Furio SCRIMALI, Donatella TANDELLI, Claudio URIZZI e Diego ZOCH

 

Biciclette

A seguire si è svolta la seconda serata per Stampe in Bianco e Nero del nostro Gran Premio fotografico giunto alla 31esima edizione.

In giuria: Fabrizio Fabris, Monica Mazzolini e Fulvio Merlak

I cinque finalisti della serata sono:

5° Donatella Tandelli

4° Claudio Urizzi

3° Ernesto Petronio

2° Roberto Riva

1° Giancarlo Staubmann

«Fotoeducando»

Mercoledì 10 ottobre 2018

«Fotoeducando»

Incontro con Manuela Cecotti

Il rapporto tra fotografia e educazione è un campo d’indagine ancora poco esplorato. Se da un lato, infatti, scattare ed esporre fotografie sono pratiche molto diffuse nei luoghi dell’infanzia, da un altro lato le immagini prodotte e diffuse non vengono sempre ragionate e pensate: di qui l’utilità di una serie di riflessioni e suggerimenti affinché la pratica fotografica con i bambini risulti significativa e consapevole.

Nel corso della serata verranno presentate le idee e le sperimentazioni raccolte nel corso di quindici anni di attività di formazione con il personale educativo di diversi tipi di servizi.

Si potranno commentare esempi fotografici tratti dal libro recentemente pubblicato presso l’editore Junior-Spaggiari con il titolo “Fotoeducando”.

L’idea di fondo è che la visione e la produzione d’immagini possano diventare preziose forme di conoscenza e di relazione, sia tra adulti, che tra bambini, in quanto la fotografia riesce a essere un mediatore efficace nei rapporti tra le persone, capace di sostenere valori profondi.

La cultura fotografica può trovare, in questa prospettiva, un campo di applicazione decisamente ampio e l’utilizzo del linguaggio fotografico si può sviluppare in modo originale nei contesti dove si costruisce cultura dell’infanzia.

 

Manuela CECOTTI